Abitare il mondo

di Onofrio Romano

Bisogna stare in guardia contro – quelle che a me paiono – le false dicotomie, le finte contrapposizioni. Ce ne sono diverse ad attraversare i nostri discorsi e tutte c’impediscono di giungere al fondo del problema. Prima tra tutte, la contrapposizione tra tecnocrazia liberista-mercantilista da un lato e popolo sovrano (democrazia) dall’altro.

Non che io pretenda di negarla. È evidentissima nel caso greco. E in Italia ne abbiamo fatto esperienza precoce. Ma ciò che altrove si presenta in forma di tragedia, da noi assume sempre una punta di farsa e non ci facciamo più caso. Nel 2013, ad esempio, abbiamo eletto un Parlamento connotato a stragrande maggioranza in senso anti-eurotecnocratico, seppure con declinazioni interne diversissime e inconciliabili tra loro. A cominciare dalla nostra declinazione, quella di Italia Bene Comune, che alludeva alla possibilità di costruire un nuovo ciclo socialdemocratico contro l’Europa dell’austerity. Senza alcun golpe, questo risultato è stato letteralmente ribaltato e oggi abbiamo a Palazzo Chigi un governo che fa esattamente le cose contro cui la stragrande maggioranza dei parlamentari è stata eletta. Gli unici rappresentanti della ricetta politica che oggi il Governo sta realizzando erano quelli della coalizione Monti, che alle elezioni hanno fatto una ben magra figura. Se guardiamo alla sostanza, il progetto politico che ispira tutte le riforme renziane (al netto dei fronzoli, ossia dell’involucro populista-novatore che lo incarta) è stato votato dal 10% degli italiani. Il restante 90% si è espresso, con declinazioni molteplici, contro quel progetto. Eppure, sfruttando tutte le contraddizioni interne, surfando su una lunga fila di utili idioti (dai grillini agli occupanti Pd), nonché operando all’occorrenza le dovute forzature istituzionali (leggi: mancato incarico a Bersani), la tecnocrazia europea è riuscita a imporre il suo progetto di governo e successivamente anche a legittimarlo sul piano democratico, visto l’esito delle elezioni europee: ma questo è stato possibile poiché, com’è tradizione, gli italiani sono molto più sensibili agli involucri (populisti) che ai contenuti politici (hanno votato l’estetica renziana, non certo un progetto politico). Quindi, lungi da me la volontà di negare l’esistenza di una sistematica prevaricazione da parte dell’élite tecnocratico-liberista-mercantilista europea a danno del popolo sovrano. 

Credo, tuttavia, che questa contrapposizione faccia velo ad problema più serio, indigeribile e per molti versi tragico, che ci riguarda direttamente. Dal lato della tecnocrazia mercantilista c’è un progetto forte e chiaro. Non solo un modello ideale ma una realizzazione concreta e operante, un sistema che “funziona”, a prescindere da ogni valutazione sui suoi effetti sociali, culturali ed economici. Comunque, dentro questo regime, le cose vanno, camminano. Dall’altra parte, invece, semplicemente non si vede a quale altro regime si alluda. C’è uno stare a ridosso degli inconvenienti creati dall’austerity liberista che culmina in una serie di “no”, senza dar vita ad un sistema visibile e, soprattutto, credibile. 

Non è un caso, in queste condizioni, che s’intensifichi il ricorso allo strumento del referendum. E’ la maniera migliore per riaggregare la comunità dei dissenzienti intorno ad un “no” puntuale, rinviando strutturalmente la definizione del “sì”, ossia del “sistema” alternativo a quello che produce i numerosi disastri cui dire no. Da organizzatori di conflitto, ci siamo trasformati in organizzatori di referendum (e prima ancora di primarie). Allestendo il simulacro della contrapposizione amico-nemico, questo offre, infatti, ad una comunità ormai politicamente afasica una possibilità di sfogo, l’illusione di avere una squadra e un progetto per i quali combattere. La sinistra tutta si è sbilanciata moltissimo verso questa modalità politica, sbarazzandosi al contempo delle arti dure della mediazione e dell’organizzazione. Alcuni dei protagonisti del cantiere aperto a sinistra del Pd, oltre ad aver già attivato nuovi percorsi referendari contro le riforme di Renzi, teorizzano esplicitamente nelle loro interviste la necessità di calibrare il soggetto politico a venire intorno all’organizzazione sistematica di referendum, sulla scorta dell’esperienza dei quesiti sull’acqua. Ottimo esempio davvero: l’esito di quella consultazione, infatti, è stato tradito pressoché ovunque in Italia (e spesso anche da coloro i quali se ne sono fatti paladini), senza che i votanti se ne avessero a male. Anche in questo caso, in Italia abbiamo avuto un’anticipazione da operetta di quella che è oggi la tragedia greca sul referendum anti-memorandum. Lo strumento del referendum, in fin dei conti, funziona come sbornia collettiva per dimenticare il vuoto che attanaglia la nostra alternativa di sistema. O, meglio, questo sistema alternativo esisterebbe pure, ma ci è inguardabile. Il referendum funziona e lo desideriamo proprio perché ci occulta la vista sull’altro sistema che le nostre critiche al regime presente evocano.

Abbiamo noi oggi la forza di dire quello che si dovrebbe dire e di mettere in campo quel che si dovrebbe mettere in campo? Siamo in grado cioè di riconoscere e di esplicitare pubblicamente che quel che occorre, allo stato, è che la politica ritorni né più né meno che a “pianificare la produzione e la redistribuzione della ricchezza”? Ne abbiamo la forza, il coraggio? Siamo in grado di andare sui media a dire che la politica deve decidere che cosa, quanto, e soprattutto “come” produrre (con quali parametri sociali e ambientali)? Sapremmo caricarci delle poste in gioco istituzionali incluse in una simile prospettiva? È qui il nodo. Io penso proprio di no. E l’inchiodarsi del dibattito intorno al dilemma “euro sì/euro no” è un’altra forma di rimozione. Un’altra contrapposizione fasulla che serve solo a rimandare il problema di fondo. 

Non abbiamo questa forza perché stiamo ancora nel trauma generato dalle conseguenze nefaste dell’applicazione di quella logica politica (dello statalismo, per dirlo alla grossa). Ma invece di confrontarci intellettualmente e politicamente con quelle conseguenze, provando a elaborare qualcosa di più avanzato che tuttavia resti dentro la logica del “collettivo che decide sovranamente sul proprio destino”, noi preferiamo svicolare e rimuovere. Così, non si va da nessuna parte.

Ma un barlume di speranza c’è. Va accolta, a mio avviso, la provocazione di Emiliano Brancaccio: il popolo greco ha mostrato maggiore lucidità, maturità e determinazione del suo governo e delle sue classi dirigenti. In questo senso: il trauma della “politica pianificatrice dello sviluppo” ce l’abbiamo soprattutto noi, diciamo così, “intellettuali”. Masse crescenti di popolazione stanno, invece, da un’altra parte. E probabilmente sono già pronte ad accogliere la logica politica che più ci appartiene e che più sarebbe opportuno (direi, persino necessario) mettere in campo in questa fase.

Non ci s’illuda che lo stare a ridosso del “disagio” provocato dal regime neoliberista sia sufficiente a costruire un’alternativa politica (come ha giustamente sottolineato Stefano Fassina). Quando prima dicevo che abbiamo smesso di organizzare il conflitto e ci siamo messi a organizzare referendum, non intendevo alludere ad una sorta di natura auto-propulsiva del conflitto, che da sé solo conduce verso l’altro mondo. Il conflitto non lo organizzi se non fai “vedere” un sistema alternativo, la sponda verso cui guidi i naufraghi. Il disagio in sé non basta a giustificare la messa in cammino, se non è nota la destinazione. Il disagio c’è – questo è fuor di dubbio – ma coloro che vi stanno dentro non vedono un sistema differente (perché non c’è un’organizzazione politica che glielo faccia vedere). Che cosa pretendevamo da Tsipras?

Si tratta, infine, di uscire anche dall’altra falsa dicotomia: austerità vs. crescita. Pensiamo forse che gli austeri non vogliano la crescita? Pensano, semplicemente, che una “vera” crescita non sia possibile senza rigore di bilancio. Puntare sugli “investimenti” non è un’alternativa all’austerità. Non è la sottoproduzione il problema, a questo stadio dello sviluppo. A livello aggregato produciamo come mai prima. Non c’è un problema di crescita, di carenza di risorse e di produzione. Il problema è come viene “regolata” oggi la produzione e la distribuzione della ricchezza. Se reclamiamo generici investimenti restando muti sulla questione della regolazione, ossia accettando l’attuale assetto della globalizzazione liberista, quegli investimenti partoriranno topolini. Né si stratta di un problema di scala: abbandonare la macro-regione europea (insieme all’euro) per tornare a competere come stato-nazione (ossia sostituire la svalutazione del lavoro con la svalutazione della moneta, lasciando sempre immutato l’assetto sistemico globale). È un problema di logica regolativa, non di scala. Ce la sentiamo di mettere in piedi, non semplicemente delle strategie di “auto-difesa della società”, come diceva Polanyi, ma una vera e propria cura della “habitation”, ossia l’organizzazione consapevole del nostro abitare il mondo? A questo dobbiamo dare una risposta. Tutto il resto è schermaglia inutile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *