Tutti gli articoli di Onofrio Romano

La pandemia è la prova (anti-)sovrana

La pandemia è la prova sovrana. La prova – ci dicono – della fallacia del sovranismo. Dimostra, infatti, che siamo tutti interconnessi. Oibò!

Il grottesco della faccenda sta nella circostanza che i sovranisti sono i più furiosi avversari di ogni mossa sovrana contro la diffusione del virus. Il popolo dev’essere libero di circolare. Il virus dev’essere libero di circolare. Via la politica. Si salvi chi può.

C’è poi la Cina. L’unico paese ad avere, ad oggi, sconfitto la pandemia. Come? Con la sovranità politica. Ha bloccato tutto e ha ripulito tutto. La politica ha bloccato i commerci. Il molare ha bloccato il molecolare. Cosa che noi anti-sovrani non possiamo permetterci, perché tutto deve circolare ed è dalla circolazione generalizzata che ci aspettiamo sempre il bene.

L’atteggiamento nostro nei confronti della Cina è quello che Bunuel ha messo in scena nel fantasma della libertà. I genitori si recano in commissariato a denunciare la scomparsa della figlia da scuola e la figlia è seduta accanto a loro. La Cina sta lì a dimostrare che contro la pandemia la sovranità è vincente. I meno sovrasti (USA, Brasile, India) sono i più inguaiati. In mezzo ci sta l’Europa, con quel che resta del suo vecchio welfare che si difende come può, con risultati incerti e parziali. Infine, la sovranista Cina, che ha risolto tutto: crisi economica e crisi sanitaria.

E noi qui a blaterare: “la pandemia dimostra la fallacia del sovranismo”. Bunuel, please, come back.